Ho un piccolo marito cazzo di aiuto

Parto choc. “Spinga ora”, ma quel che vedono quando il bimbo nasce è horror puro - ULTIMI ARTICOLI

Il miele e il suo effetto sulla potenza

E sono una donna. Una donna matura, che non riesce a far meno del Ho un piccolo marito cazzo di aiuto e dei duri cazzi di qualche bel giovane ragazzo. Sono sposata, e mio marito nonostante ci metta dell'impegno, non riesce mai a soddisfare in pieno le mie voglie di sesso.

Cosi mi devo arrangiare come posso, usando la fantasia e qualche bel attrezzo di lattice che mi riempie Ho un piccolo marito cazzo di aiuto il mio buchetto fradicio di voglia. Durante il mese di luglio mi sono ritrovata a fare da "baby-sitter" al figlio di una mia amica su in montagna. Lei e suo marito non potevano venire in vacanza per vari motivi, e gli dispiaceva che il figlio non facesse le vacanza, cosi ho detto che l'avrei ospitato io ,tanto piu' che mio figlio quest'anno e' in vacanza coi suoi amici Il figlio della mia amica si chiama Luca, ha Ho un piccolo marito cazzo di aiuto anni, e mi e' molto "simpatico" Qualche volta mi sono ritrovata a stantuffarmi con qualche vibratore ed immaginare che al posto del cazzo finto ci fosse Luca fra le mie cosce.

Ogni notte prima di addormentarmi Penso a quanto sarebbe bello se Luca entrasse in camera nudo col suo bastone in tiro e mi facesse sua per tutta la notte, mentre mio marito russa di fianco a noi.

Immancabilmente comincio a toccarmi e piu' passano le notti piu' mi sento sempre piu' eccitata e vogliosa. Ho cominciato a girare per casa seminuda, indossando camicette con grosse scolature e gonne con ampi spacchi in modo da mettermi in mostra e ho notato che Luca mi guarda, molto attentamente. E lo vedo correre in bagno un po' troppe volte. Mi sono messa a spiarlo dal buco della serratura, e si masturba ogni volta.

Ha un bellissimo cazzo molto grosso e lungo e le sue seghe sono interminabili ha una resistenza davvero notevole. Il piu' delle volte dopo che lui e' venuto, in bagno entro e io mi sditalino pensando a Ho un piccolo marito cazzo di aiuto. Una sera eravamo in casa assieme. Mi marito era fuori coi suoi a giocare a carte, e Luca aveva preferito stare in casa a farmi compagnia. Oramai ho capito che anche lui mi guarda, mi spia, ieri mentre lo spiavo segarsi quel suo fantastico randello, l'ho visto frugare nella cesta della biancheria sporca, ha preso un paio di mie mutandine in seta e una volta avvoltesele sul bastone duro e nodoso ha preso a toccarsi con ferocia.

E venuto tutto nelle mutandine, e una volta finito, se l'e infilate in tasca. Ora sono sue, e le Ho un piccolo marito cazzo di aiuto ogni volta che va in bagno. IO ho addosso una canotta molto scollata e non porto il reggiseno. Prima mi sono stuzzicata i capezzoli e ora spingono duri e irti contro la stoffa bianca.

E Luca ne e' ipnotizzato, e una gonnellina leggera, che non copre praticamente nulla. Lo vedo che e' eccitatissimo, ma decido di non far nulla. Anna vado a letto. Lui e' un po' deluso, lascio la porta accostata. In modo ceh lui mi possa vedere mi spoglio dando la schiena a Luca. Spengo la luce e Luca si allontana. Passano si e no cinque minuti che e' spinto a tornare a vedere cosa succede in stanza. Ho preso il mio grosso vibratore e mi sto fottendo in fica.

Ho gi occhi chiusi, ma ogni tanto li apro un poco per vedere cosa fa Luca dall'atra parte della porta. E lui e' li che si masturba. Lui non ha il coraggio di entrare, io vorrei chiamarlo, ma sento che non e' il momento. Cosi entrambi veniamo da soli. Il giorno dopo, decido di fare la mai mossa, lascio il computer acceso, su un racconto erotico. Luca si ferma guarda quello che c'e' sul video e ne rimane folgorato. Si siede e legge. Io lo spio da dietro e vedo che una mano gli cade sul pacco e si massaggia l'uccello.

E non riesce a nascondere il grosso bozzo che ha far le gambe "Susa Luisa, non volevo" "Cosa Luca? Oh, stai leggendo? Ti piace? Si e' carino ma ce ne sono di migliori ovviamente non e' il tuo racconto quello che sta leggendo Luca Ne ho scaricati un po' ieri sera, cosi oggi avevo qualcosa leggere.

Vuoi vederli con me? Non ci credo che non ti piacciono" "Be per piacere, si mi piacciono. Visto che io ho i mie scopi, e mi ero gia' preparata tutti i racconti da fargli vedere vado subito su quel piu forti, dove narrano di incesti tra nipoti e Ho un piccolo marito cazzo di aiuto e madri e figli. Proprio su questi vedo Luca eccitarsi sempre di piu', tanto che si tocca il bozzo da sopra i pantaloni senza pudore a dir al verita' anch'io ho preso a massaggiarmi le mammelle e le cosce, ci sono racconti veramente forti e caldi "Guarda che stai per sfondare i pantaloni.

Ti conviene toglierlo da li" "Cosa? Lo so che quello che stai leggendo ti eccita, e te l'ha fatto diventare duro. E' normale. Anch'io sono bagnata Vuoi che non abbia mai visto un cazzo in vita mia? E poi di cosa hai paura, potrei essere tua mamma Non gliel'avevo mai visto da cosi vicino ed e' ancora meglio "Oddio, tanto in no e' Siamo gia' eccitassimo, Luca si toccava e io mi sditalinavo Non ci ho pi' visto dal piacere, ho allungato una mano e gli ho preso il cazzo Era duro duro come nient'altro al mondo, ho preso a segarlo lui ha lanciato un mugolo di piacere, e s'e' fondato con la sua mano fra le mie cose.

Ha esitato un po' sul solco delle mie grandi labbra e poi e' entrato dentro. Siamo venuti assieme dopo pochi minuti Quella sera ho voglia di restare un po' con lui.

Non avevamo piu' avuto occasione di parlare di quello che era successo. Cosi invento una scusa "Andiamo a prendere il gelato? Lo vuoi Luca? Non si dice mai di no ad un cono vero? C'era un doppio senso o E' stato lui a mandarci fuori assieme.

Stiamo per salire in macchina Ho un piccolo marito cazzo di aiuto mi dice" Mi fai guidare Luisa? Hai solo 17 anni" "Quasi 18 e mi padre mi ha gia' dato lezioni. Non me la cavo male. Davvero se no non te lo direi. E poi qui in montagna non rischiamo che ci fermino i caramba" "Ga'. Ma non correre" "No di certo. Luca fa una starna strada per andare in paese "Luca, ma di qua non andiamo in paese" "Tu vuoi davvero il gelato? Volevo solo stare un po' con te" "Anch'io" Luca ferma la macchina in un posto isolato stiamo in un parcheggio, Ho un piccolo marito cazzo di aiuto non ci viene mai nessuno Sono bagnata.

Luca di certo non puo' non vedere i miei capezzoli che spingono contro il mio stretto topo bianco. Ci guardiamo in faccia e scoppiamo ridere. Un secondo dopo siamo uniti in un abbraccio e le nostre bocche si cercano, si trovano e si aprono facendo incontrare le nostre lingue Ci stacchiamo e accarezzo il viso di Luca Ho un piccolo marito cazzo di aiuto male, io credevo che ti fossi spaventato o scandalizzato, non so LE tue parole mi riempiono di serenita'.

Sai non mi giudicare male, tu mi sei sempre piaciuto, o non ci Ho un piccolo marito cazzo di aiuto nulla di male nell'attrazione fisica tra un ventenne e una quarantenne. Non credo che i nostri sensi posano rispettare certe leggi del pudore scritte da chissà chi" "Giorgio non ti scopa bene vero? E pomeriggio E lunga, a portafoglio.

Infila una mano nello spacco e si lancia alla scoperta del mio segreto modo nascosto. Il Ho un piccolo marito cazzo di aiuto cazzo e' duro, ma no ha ancora raggiunto il massimo dell'erezione. Mi sfilo al sua mano dalla gonna, mi sistemo meglio e lo prendo a masturbare. Ora m'e' venuta un'incredibile voglia di leccare qualcosa" "Il mio cazzo Luisa lecca il mio cazzo" Sorrido, e lo prendo a riempire di baci il pene.

Gli succhio le palle e in un batter d'occhio il pisello di Luca diventa il grosso randello che avevo segato con tanto piacere nel pomeriggio. Lo lecco dalla base fino alla punta, poi prendo a giocare col suo filetto. Gli faccio passare la lingua su tutto il glande. Luca ha la testa reclinata all'indietro e gode il suo piacere sussurrandomi una serie di incredibili volgaritrà che hanno il solo effetto di aumentare la mia voglia di cazzo.

Sei solo una schifosa troia. La mia troia. Di la verita' chissa' quanti cazzi hai gia' succhiato nei parcheggi prima del mio. Fammi schizzare con le tue labbra troia" Glielo prendo in mano e glielo sego velocemente mentre vado alla ricerca della sua bocca. Gli bacio il petto nudo, Luca s'era tolto la maglietta, poi ritorno a lavorargli il cazzo con le labbra "Oh si cosi cosi Luisa, sei un puttana fantastica E io non voglio In fondo e' una bella donna anche lei Sono piena di lui, quasi non respiro, ma mi piace davvero tanto.

Nonostante l'ingombro riesco lo stesso a fare un pompino degno di lode, muovo la lingua sulla sua asta pulsante su e giu su e giu' gliela carezzo, gliela massaggio con la mia linguetta, vogliosa di leccare anche il tuo cazzone Fabio Luca mi poggia le mani sul mio capo e esercita una forte pressione verso il suo randello.

Me lo caccia sempre piu' in profonditr, e a me non dispiace affatto "Si, mamma cosi, coi continua a leccare il cazzo di tuo figlio sei bravissima, forza mamma fammi godere, fatti sborrare in gola troia" Aumenta la pressione e il ritmo del pompaggio, e in breve viene.

Un fiume di sborra gli esce dal cazzo e si riversa nella mia gola. Ho la certezza di soffocare, non riesco a mandarla giu' tutta, e' davvero tantissima.